ATTUALITA'

AEROPORTO CIAMPINO, CAMBIA IL PIANO ANTI-RUMORE. LA LETTERA DEL CRIAAC AI SINDACI

Il Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino (CRIAAC) ha inviato una lettera ai sindaci di Ciampino e Marino, denunciando il tentativo da parte dell’ENAC di modificare le norme italiane sulla tutela della salute dei cittadini in relazione al rumore aeroportuale. Nel 2018, grazie a queste norme, si era ottenuta una significativa riduzione del traffico aereo a Ciampino, fissando un limite di voli giornalieri consentiti.

CIAMPINO – Il CRIAAC contesta la legittimità dell’iniziativa dell’ENAC, poiché si baserebbe su una nota del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti e su una deliberazione interna all’ENAC stessa, senza coinvolgere i ministeri competenti in materia ambientale e sanitaria. L’ENAC ha aperto una fase di consultazione pubblica sul regolamento, stabilendo un termine per la raccolta di osservazioni al 15 maggio.

Il CRIAAC chiede ai sindaci di intervenire nel dibattito pubblico e di coinvolgere gli organi ministeriali e regionali per respingere le pretese dell’ENAC e proteggere i cittadini e il territorio. Riportiamo di seguito la nota stampa del CRIAAC.

La denuncia del CRIAAC e la lettera ai sindaci

“Con una lettera inviata alla Sindaca Colella di Ciampino e al Sindaco Cecchi di Marino, il Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino (CRIAAC) denuncia il gravissimo tentativo attuato alla chetichella da ENAC di stravolgere tutte le regole fissate attualmente dalle norme italiane per la difesa e la tutela della salute dei cittadini quando si parla di rumore aeroportuale.

Quelle stesse regole che hanno consentito nel 2018 all’allora Ministro dell’Ambiente Costa di realizzare con un Decreto, per la prima volta in Italia, una rilevantissima riduzione del traffico aereo per l’Aeroporto di Ciampino con un abbattimento dei voli commerciali del 35%, fissando per questi voli a 65 il massimo numero di movimenti giornalieri consentiti.

“Con la lettera inviata” precisa il CRIAAC “abbiamo evidenziato ai Sindaci di Ciampino e Marino come sia necessario nella loro qualità di rappresentanti estensivi dei cittadini e dei territori da loro amministrati, al fine di scongiurare il gravissimo danno che la recente pubblicazione, da parte di ENAC, di un “Regolamento” con il quale l’Ente si arroga il diritto di intervenire negativamente su tutte le Norme che tutelano attualmente i cittadini di Ciampino e Marino dall’enorme inquinamento di origine aeroportuale, prodotto dall’Aeroporto G.B. Pastine di Ciampino.

ENAC, arrogandosi con un golpe il diritto di legiferare in vece degli Organi Istituzionali Ministeriali, Regionali e Comunali legittimamente preposti, ha pubblicato il 5 aprile 2024 sul proprio sito un suo ‘Regolamento recante disposizioni sul contenimento dell’inquinamento acustico nell’intorno aeroportuale’ (link: https://www.enac.gov.it/…/bozza-regolamento-recante… ).

ENAC ha così aperto, alla chetichella, una fase di consultazione pubblica per la raccolta commenti e/o osservazioni su questo Regolamento fissando in prima istanza al 26 aprile il termine ultimo per l’invio delle osservazioni e specificando in modo puntuale che ‘l’assenza di commenti sarà considerata come condivisione del testo proposto‘. Secondo ENAC questa sarebbe stata l’apertura di un ‘dibattito pubblico’ e, già le prime lamentele dei Comitati Aeroporti di tutta Italia hanno indotto ENAC a posticipare al 15 maggio questo primo termine“.

“Come spieghiamo in dettaglio nella lettera allegata a questo comunicato” precisa ancora il CRIAC “ENAC, nella sostanza, ci informa che la legittimità della sua iniziativa sarebbe dovuta ad una semplice ‘nota’ inviata dal Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, e da una deliberazione a ‘legiferare’ emanata dal Consiglio di Amministrazione di ENAC stesso.

E così ENAC, Ente tecnico senza alcuna qualifica istituzionale né specifiche capacità in campo Ambientale (campo specifico del Ministero dell’Ambiente e Sicurezza Energetica) né nel campo della Salute Pubblica (campo specifico del Ministero della Salute, del Sistema Sanitario Regionale, e dei Sindaci che hanno poteri di tutela dell’igiene, della sanità pubblica e della sicurezza dei cittadini), si arroga, per decisione del ‘Consiglio di Amministrazione di ENAC’ stesso, il potere di ‘Implementazione della produzione normativa regolamentare’, dimenticando che questo è il ruolo dei Ministri e delle istituzioni a lui superiori.

Leggi anche: CIAMPINO, LA SINDACA REVOCA LE DELEGHE DI VICE SINDACO E ASSESSORE A GUIDO MONTI

Nella pratica, il nuovo Regolamento che ENAC con un golpe vorrebbe imporre, consentirebbe ad ENAC stesso di cancellare a suo piacimento, ad esempio, il DM 345 del 18/12/2018 “Decreto Costa”, emanato dalla competente Autorità Ministeriale, approvato dalla Conferenza Unificata, e completamente approvato da TAR e Consiglio di Stato. Un vero e proprio assalto alle regole, un golpe che farebbe tornare l’Aeroporto di Ciampino unicamente in mano agli operatori e alle compagnie aeree e la qualità della vita dei cittadini di Ciampino, Marino e Roma all’età della pietra“.

“Per questo gravissimo attacco alle istituzioni stesse portato da ENAC” conclude il CRIAAC ” chiediamo ai Sindaci di Ciampino e Marino di intervenire con autorevolezza e determinazione nel dibattito pubblico e nell’agone politico a loro consentito per respingere le assurde e illegittime pretese di ENAC, coinvolgendo e sollecitando a intervenire nella medesima direzione di tutela dei cittadini e del territorio anche gli Organi Ministeriali (Ministero dell’Ambiente, Ministero della Salute) e Regionali (Regione e Agenzie Regionali preposte alla tutela dell’Ambiente e della Salute). Già nella giornata del 23 aprile saremo ricevuti dal Comune di Ciampino e restiamo in attesa di analogo invito da parte del Comune di Marino“.

Foto di repertorio

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts