ATTUALITA'

ALBANO LAZIALE, IL COMITATO CENTRO STORICO DENUNCIA LA MANCANZA DI PROGETTUALITÀ DEL COMUNE

Il Comitato Centro Storico di Albano Laziale su Facebook: “Abbiamo bisogno di obiettivi ma soprattutto del coraggio per raggiungerli”

“È un dato di fatto: non si è dimostrato alcun interesse per l’ordinario, per il decoro, per la viabilità, per le manutenzioni, per un’attenta e coerente gestione dei rifiuti, per la gestione del verde, si guarda solo con una malsana attenzione agli interventi straordinari che peraltro chiunque, anche l’ultimo degli amministratori, sa che se sganciati da azioni coerenti con una qualche gestione dell’ordinario servono davvero a poco, se non a dire “abbiamo perso l’ennesima occasione”.

In questi giorni abbiamo potuto assistere alla fiera delle vanità, un potpourri di comunicati e post social inerenti gli interventi straordinari in esecuzione su piazza Carducci; delle prove distoniche di comunicazione che hanno solo avuto tanto il sapore di uno dei tagli di nastro sulla Salerno-Reggio Calabria.

Ci si sta vantando tanto di saper spendere soldi, quando ci si dovrebbe invece vantare solo quando gli interventi (straordinari) sono ascrivibili in una qualche progettualità di più ampio respiro, a dimostrazione e con l’obiettivo di un qualche vantaggio per la collettività, cittadini e commercianti.

Eppure sono sotto gli occhi di tutti i fallimentari risultati degli interventi “solo straordinari” già eseguiti ai quali non è stata mai associata una adeguata gestione dell’ordinario: via Cavour, Largo Murialdo, Piazza Mazzini, via Saffi, via della Rotonda, Piazza Pia.

Leggi anche: ALBANO LAZIALE, POLEMICHE SU RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA CARDUCCI. LA REPLICA DI ANDREASSI “HO IMPARATO A FREGARMENE”

Per esemplificare prendiamo i lavori eseguiti di recente su via Saffi, una via dimenticata per decenni e ritornata, anche dopo un’importante intervento di recupero, ad essere terra di nessuno:

  1. Parcheggio selvaggio c’era prima dei lavori c’è anche dopo i lavori;
  2. Raccordo con via Castro Pretorio via Don Minzoni mai eseguito con tanto di buca annessa;
  3. Predisposizione di uno stallo per i disabili irregolare e fuori norma che attende di essere cancellato e di essere ripristinato in punto diverso, da sette (7) mesi;
  4. Carico-scarico merci perennemente – tutti i giorni – utilizzato come posto auto;
  5. Strisce pedonali perennemente – tutti i giorni – occupate da auto in sosta;
  6. Gestione dei rifiuti dedicata al centro storico mai realizzata;
  7. Viabilità sostenibile e coerente mai realizzata.

Insomma anche all’ultimo dei disattenti non sarebbe dovuto sfuggire per i tanti esempi sotto gli occhi che spendere soldi non basta; servono obiettivi e progettualità concrete, serve un’idea di centro storico civile e sostenibile ma soprattutto è necessario il coraggio di realizzare tutto questo. Ai cittadini le considerazioni del caso”. Così il Comitato Centro Storico – Albano Laziale in un post su Facebook.

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts