ATTUALITA'

ANAGNI, IL RICORDO DELLA CITTA’ ALLE VITTIME DI NASSIRIYA

Sono passati venti anni da quel tragico 12 novembre 2003 quando 19 connazionali italiani hanno perso la vita in un attacco terroristico nella città irachena di Nassiriya.

Una vera strage quella che ha avuto luogo nella base “Maestrale” dove le donne e gli uomini del contingente italiano prestavano servizio per garantire la pace nei territori a rischio. Un camion con circa 400 chili di tritolo e liquido infiammabile scagliato contro l’ingresso della base a decretare la morte complessiva di 29 persone.

Oggi, in occasione della ricorrenza dell’anniversario della strage, la città di Anagni ha voluto rendere omaggio e riconoscenza alle vittime e alle loro famiglie.

<<Abbiamo voluto oggi rendere omaggio al valore degli italiani che si trovavano in Iraq con finalità di peacekeeping – ha dichiarato il sindaco di Anagni, Daniele Natalia – Gli obiettivi principali erano il concorso al ripristino delle infrastrutture pubbliche e alla riattivazione dei servizi essenziali, le rilevazioni radiologiche, biologiche e chimiche, la polizia militare, il concorso all’ordine pubblico, gestione aeroportuale e attività di bonifica con l’impegno anche della componente cinofila, il sostegno alle attività ora dell’ORHA e il controllo del territorio e contrasto alla criminalità.

<<Ricordiamo oggi i caduti e li ricorderemo per sempre – conclude Natalia – con profondo senso di riconoscenza>>.

Related Posts