ATTUALITA' IN PRIMO PIANO

APPROVATO SGOMBERO DEL CAMPO NOMADI DELL’ALBUCCIONE

La Giunta di Guidonia Montecelio ha approvato una delibera che segna l’inizio dell’operazione di sgombero dell’insediamento abusivo dell’Albuccione, dove vivono circa 250 persone.

Il sindaco Mauro Lombardo ha sottolineato che la rimozione del campo nomadi dell’Albuccione non sarà un processo immediato, ma richiederà un’attenta pianificazione. L’obiettivo è quello di procedere con ordine, attivando i vari settori del municipio coinvolti in questa operazione, dalla polizia locale ai lavori pubblici, all’ambiente e alle politiche sociali. Inoltre, Lombardo ha annunciato che si terranno riunioni bisettimanali per monitorare l’andamento del progetto e apportare eventuali correzioni.

Dal punto di vista pratico, l’amministrazione punta ad eliminare gradualmente le strutture abusive presenti nel campo. Per facilitare questo processo, si prevede la stipulazione di accordi con le famiglie che attualmente risiedono nell’area. Sono anche allo studio incentivi speciali, per i quali si richiederanno contributi a livello ministeriale e regionale. Il sindaco ha evidenziato che l’insediamento dell’Albuccione, per le sue caratteristiche e dimensioni, non è più tollerabile, facendo riferimento a modelli di gestione adottati in altre città, come Pisa, che hanno già ottenuto risultati positivi in contesti simili.

Leggi anche: TIVOLI, RIPARTONO ALL’OSPEDALE GLI AMBULATORI, IL CUP E IL COT

L’assessora alle politiche sociali, Cristina Rossi, ha illustrato i dettagli dell’operazione. Ha sottolineato che la delibera è frutto di un anno di lavoro intensivo da parte degli uffici comunali, a cui ha espresso il proprio ringraziamento. L’obiettivo dichiarato è quello di restituire dignità sia alle persone coinvolte sia al territorio. Il piano prevede prima di tutto il blocco di nuovi ingressi nel campo, basandosi sul censimento effettuato il 19 dicembre scorso, dove sono state identificate 254 persone, tra cui 121 minori, appartenenti alle comunità Rom, Caminanti e Sinti.

Il processo di sgombero del campo nomadi dell’Albuccione avverrà in maniera graduale, con un’attenzione particolare verso le persone che attualmente vi risiedono. L’amministrazione intende accompagnare queste comunità proponendo soluzioni alternative all’attuale situazione di vita.

Foto di repertorio

Related Posts