IN PRIMO PIANO POLITICA

ASL FROSINONE, BANDO PER I 25 AMMINISTRATIVI ANNULLATO. UGL: “SPERPERO INUTILE DI DENARO PUBBLICO”

Il bando dei 25 assistenti amministrativi per l’ASL di Frosinone sarebbe stato annullato dopo la decisione della dirigenza di attingere dalla graduatoria della ASL Roma 1. A denunciarlo è l’UGL Sanità: “aspettative disilluse”

Delusione e amarezza per i tanti partecipanti all’avviso pubblico per l’assunzione di 25 assistenti amministrativi presso l’ASL Frosinone. La speranza di un impiego stabile si è trasformata in un incubo burocratico, con un bando che non avrà il seguito tanto atteso. È quanto denuncia l’UGL Sanità, rappresentata dalla segretaria provinciale Rosa Roccatani, in una nota che mette in luce le criticità dell’intera vicenda.

“Ormai è certo, l’avviso pubblico per l’assunzione di 25 assistenti amministrativi non avrà l’esito che i tanti partecipanti speravano, che dire, la ASL di Frosinone espleta avvisi pubblici anche quando non servono, spendendo soldi pur sapendo che non avranno mai un seguito. E così l’avviso per i 25 assistenti amministrativi a tempo determinato verrà annullato perché l’attuale dirigenza dell’Azienda Sanitaria Locale ciociara sembra decisa ad attingere alla graduatoria della Roma 1“, scrivono dal sindacato.

Uno sperpero inutile di denaro pubblico, una illusione lunga mesi per partecipanti all’avviso che hanno investito risorse, tempo, energie con la speranza di poter avere un posto di lavoro. Il concorso della Roma 1 è stato indetto il 07/01/2020, La graduatoria è stata approvata ad agosto 2023 e allora perché è stata permesso lo svolgimento della prova pratica del 12 settembre a Roma in presenza di graduatoria utile? Perché sono stati svolti tutti gli orali ben sapendo che la graduatoria non sarebbe mai stata pubblicata? Chi risponderà dei denari spesi inutilmente e dei danni cagionati ai partecipanti dell’avviso? Perché dare false aspettative a giovani speranzosi  di un posto di lavoro?”, conclude Roccatani.

Leggi anche: ATTO AZIENDALE ASL FROSINONE, INSORGE IL PD: “APPROVATO SENZA ASCOLTARE MAGGIORANZA DEI SINDACI”

Sulla vicenda se ne discute ormai da mesi e a nulla sono servite le sollecitazioni dei sindacati. Anche la UIL FP alcune settimane fa era tornata a chiedere spiegazioni in merito alla graduatoria di cui ancora non si avevano tracce e ne chiedevano la pubblicazione. “Un concorso – aveva spiegato il Segretario Generale UIL FPL Frosinone Maurizio Palombi – che ha visto l’iscrizione di oltre 2800 persone, un’organizzazione imponente e dispendiosa affidata a società esterne, tre prove scritte a Roma (una ripetuta per il malfunzionamento di alcuni tablet), l’orale a Frosinone, un investimento economico non indifferente per reclutare 25 assistenti amministrativi e far fronte alla carenza, ormai cronica, di tali figure in tutta l’azienda, anche in previsione dei pensionamenti che, nei prossimi mesi, renderanno ancor più scarno l’attuale organico a disposizione”.

Una questione finita anche in Regione Lazio grazie all’intervento della consigliera dem Sara Battisti, la quale aveva chiesto un’interrogazione a metà giugno per chiedere informazioni al Presidente Rocca e alla giunta regionale in merito alla graduatoria relativa al concorso per 25 posti da Assistente Amministrativo Cat. C a tempo determinato della ASL di Frosinone.

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts