ATTUALITA'

CAMPAGNANO DI ROMA, ARRESTATO UN FUNZIONARIO COMUNALE. IL COMUNE: ‘PIENA SINERGIA CON LA PROCURA’

In merito all’indagine emersa oggi dei Carabinieri della Sezione Operativa di Bracciano che hanno portato all’esecuzione di sette misure cautelari a Campagnano di Roma, e in cui sarebbe coinvolto anche un funzionario del Comune, l’Amministrazione ha rilasciato un comunicato stampa sostenendo di essere ‘in piena sinergia con la Procura di Tivoli’.

“L’Amministrazione Comunale di Campagnano di Roma, in piena sinergia con la Procura di Tivoli, informa la cittadinanza che, nel pieno rispetto dei diritti degli indagati – da ritenersi presunti innocenti fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile – e al fine di garantire il diritto di cronaca costituzionalmente garantito, in data odierna i Carabinieri della Compagnia di Bracciano hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di sette persone, tra le quali un impiegato del Comune.

L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Tivoli, a seguito delle indagini svolte dalla Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Bracciano sotto la direzione della Procura di Tivoli. Le indagini, tuttora in corso, hanno avuto inizio a seguito della segnalazione dei responsabili del Comune di Campagnano di Roma, i quali, tempestivamente e con la massima riservatezza, hanno informato la Procura.

L’Amministrazione Comunale ribadisce la piena fiducia nel lavoro degli organi inquirenti e della Procura di Tivoli, che nel comunicato stampa emesso in data odierna dalla stessa Procura, ha riconosciuto il buon operato del Comune. L’Amministrazione conferma inoltre la propria collaborazione con le autorità competenti, in piena e ferma aderenza ai principi di legalità.

Confidiamo nella rapida conclusione delle indagini, affinché venga fatta piena luce sui fatti e si ristabilisca la serenità all’interno della nostra comunità”.

Leggi anche: TIVOLI, RIAPRONO NUOVI REPARTI ALL’OSPEDALE SAN GIOVANNI EVANGELISTA

L’indagine dei Carabinieri

L’indagine portata avanti dai Carabinieri di Bracciano avrebbe portato alla luce gravi indizi di colpevolezza commessi da un funzionario del Comune di Campagnano di Roma, accusato di aver abusato della sua posizione per avvicinare donne in difficoltà economica, offrendo loro vantaggi finanziari in cambio di favori sessuali.

L’indagine sarebbe stata avviata a seguito di una relazione inviata dai servizi sociali del Comune di Campagnano di Roma alla Procura di Tivoli. In poco più di cinque mesi, i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Bracciano sarebbero riusciti a raccogliere prove incriminanti relative a comportamenti illeciti da parte del funzionario.

Oltre a ciò, l’indagine avrebbe raccolto prove significative relative a due episodi distinti di corruzione, perpetrati dal funzionario in questione e dai rappresentanti di una cooperativa e di un’associazione culturale. Attualmente sono in corso perquisizioni in vari uffici pubblici, con l’obiettivo di verificare la correttezza delle procedure amministrative relative a gare d’appalto coinvolgenti la cooperativa sotto indagine.

A seguito di queste rivelazioni, i Carabinieri di Bracciano, su delega della Procura di Tivoli, hanno eseguito un’ordinanza che prevede misure cautelari nei confronti di sette persone, sei delle quali sono state arrestate. Queste sono gravemente sospettate di vari reati, tra cui tentata concussione sessuale, corruzione in concorso e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici.

Foto di repertorio

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts