ATTUALITA'

CASTRO DEI VOLSCI, IN ARCHIVIO L’ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE DELL’ANNO

Si è riunito nei giorni scorsi il consiglio comunale di Castro Dei Volsci. Una assise civica nel corso della quale i consiglieri di maggioranza e opposizione hanno affrontato un corposo ordine del giorno.

In apertura l’approvazione dei verbali delle sedute del 17 agosto e del 22 settembre. In merito a quest’ultimo consiglio, nel quale era stata approvata dalla sola maggioranza la modifica allo statuto del GAL, il sindaco Leonardo Ambrosi ha annunciato che nei giorni scorsi il progetto del Gal Terre Di Argil è stato ammesso a finanziamento e ne conseguirà una pioggia di diversi milioni di euro sui 20 comuni che hanno aderito al GAL.

Si è entrati nel vivo del consiglio con la discussione della mozione proposta dalla Provincia di Frosinone per scongiurare la chiusura della scuola di volo presso l’aeroporto militare Giacinto Moscardini di Frosinone. <<Con il voto all’unanimità il consiglio comunale ha voluto dimostrare la propria contrarietà nei confronti di questo vero e proprio scippo ai danni della nostra provincia – ha dichiarato il primo cittadino – L’aeroporto conta circa 300 dipendenti tra civili e militari ed è fondamentale per il tessuto sociale ed economico di un’intera provincia ed in particolar modo per tutto l’indotto dell’aerospazio che insieme a quello farmaceutico rappresentano due eccellenze della nostra area industriale>>.

Si è passato, poi, alle ratifiche della seconda e della terza variazione di bilancio, illustrate dallo stesso Ambrosi. Al loro interno l’amministrazione ha scritto, tra l’altro, una serie di Finanziamenti che è stata capace di chiedere ed ottenere in questo periodo.

Leggi anche: CASTRO DEI VOLSCI, IL PAESE DIVENTA PRESEPE

Sono state poi discusse due delibere propedeutiche alla redazione del bilancio 2024. Seppur l’approvazione di tale documento è stata nel frattempo prorogata al 15 marzo l’amministrazione sta già lavorando al bilancio di previsione e conta di portarlo in consiglio già nelle prime settimane del nuovo anno. Confermate quindi le aliquote IMU e l’aliquota dell’addizionale comunale Irpef che per quest’anno rimane ferma allo 0,6%.

L’amministrazione comunale si è detta soddisfatta di essere riuscita a garantire anche per il 2024 gli stessi standard qualitativi di servizio contenendo e lasciando invariata la pressione fiscale sui cittadini. È stato infine discusso lo scioglimento del servizio di segreteria comunale in convenzione con il Comune di Pofi. I due comuni sono giunti a questa decisione in considerazione delle difficoltà riscontrate a reperire un segretario comunale.

<<Gli abitanti dei due piccoli centri non raggiungono i 10.000 e la sede era quindi poco appetibile per i segretari più esperti, ma allo stesso tempo era troppo grande per un segretario di prima nomina>> ha motivato il sindaco, Ambrosi.

Related Posts