POLITICA

CECCANO, FONDI PNRR PER UN ASILO NIDO IN VIA VIGNE VECCHIE. L’OPPOSIZIONE SOLLEVA DUBBI SULLA GESTIONE DELLE RISORSE

La decisione dell’amministrazione comunale di Ceccano di aderire alla proposta di finanziamento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) per la costruzione di un nuovo asilo nido in Via Vigne Vecchie ha scatenato un acceso dibattito politico. I consiglieri d’opposizione hanno espresso forti critiche e sollevato questioni riguardo la trasparenza e la coerenza delle scelte amministrative.

Comunicato stampa a firma dei consiglieri comunali Mariangela De Santis, Emanuela Piroli, Emiliano Di Pofi, Andrea Querqui – “Come da protocollo, apprendiamo dalla stampa e dall’albo pretorio la scelta dell’amministrazione Caligiore di aderire alla proposta di finanziamento PNRR, nell’ambito dei servizi educativi per l’infanzia, annunciando la costruzione di un asilo nido in Via Vigne Vecchie. Circostanza curiosa, dato che il Comune decideva di utilizzare i Fondi 2023 per il potenziamento dei servizi asili nido (assegnati per circa 184.000,00 euro) per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria della ex scuola Facciabate in località Badia. Tale scelta, caratterizzata sempre dall’effetto sorpresa, era stata oggetto di osservazioni da parte della minoranza consigliare anche in merito alle modalità di scelta della località”, scrivono i consiglieri comunali Mariangela De Santis, Emanuela Piroli, Emiliano Di Pofi e Andrea Querqui.

L’assegnazione delle risorse da parte del Ministero, poi, – aggiungono dall’opposizione – comporta automaticamente l’obbligo di rendicontazione degli obiettivi raggiunti in termini di nuovi utenti nell’anno 2023, adempimento necessario per l’attribuzione delle risorse stanziate per l’anno 2024 (riconosciute per circa 230.000,00 euro)”.

Leggi anche: CECCANO, INFRASTRUTTURE IDRICHE: 8 LITRI SU 10 DI ACQUA VANNO PERSI

I consiglieri comunali hanno presentato un’interrogazione per chiarire vari aspetti, tra cui gli obiettivi rendicontati, cioè “quali siano gli obiettivi rendicontati per l’anno 2023 e a quale plesso facciano riferimento gli utenti aggiuntivi indicati, considerato anche che l’ex struttura Facciabate risulta, tutt’ora, non fruibile”; l’utilizzo delle risorse, ovvero “come siano state utilizzate le somme rendicontate eccedenti i rimborsi voucher erogati nell’anno 2022”; le determinazioni sulla ex Scuola Facciabate, i consiglieri chiedono infatti “quale siano le determinazioni amministrative circa la ex scuola Facciabate a fronte del recente proclama di costruzione di un nuovo asilo nido in zona Vigne Vecchie”

“Questa amministrazione sarà certamente appassionata del gioco delle 3 carte, difatti la programmazione amministrativa resta un mistero, non si sa mai cosa si cela dietro l’adesione ad una proposta di finanziamento. Ci auguriamo che le richieste di chiarimenti avanzate vengano riscontrate nel termine previsto dal Regolamento Comunale considerando anche che lo stesso Ministero ha precisato che, in caso di parziale raggiungimento dell’obiettivo, le risorse assegnate andrebbero rideterminate e/o restituite. E’ ormai chiaro come quest’amministrazione non abbia la maturità necessaria per mettere da parte la supponenza e tendere l’orecchio alle osservazioni sollevate…o forse, semplicemente, non ha interesse a porsi domande nell’interesse della cittadinanza”.

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts