POLITICA

CECCANO, PARTE PETIZIONE CONTRO L’ESTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO TRIBUTI

Partirà domani mattina, sabato 9 marzo, presso il piazzale della Stazione Ferroviaria la raccolta firme per la petizione popolare presentata dai Consiglieri Comunali Emanuela Piroli, Mariangela De Santis, Andrea Querqui ed Emiliano Di Pofi. Con questa petizione si chiede all’Amministrazione Caligiore il ritiro della deliberazione relativa all’esternalizzazione del Servizio di accertamento e riscossione dei Tributi.

Per i promotori si tratta di una scelta scellerata che, se attuata, penalizzerà fortemente i cittadini. Le privatizzazioni sono ormai un mantra con cui la giunta Fratelli d’Italia tenta di far fronte alle carenze di liquidità generate dalla sua stessa gestione.

Privatizzare significa aumentare i costi per la comunità e sminuire il servizio reso in tutti questi anni dall’ufficio tributi annullando il rapporto tra il comune e cittadini, costretti ad interfacciarsi con un soggetto estraneo e, non da ultimo, mettere a rischio le casse comunali e di conseguenza l’intera attività amministrativa.

Leggi anche: CECCANO, SCONTRO TRA L’ASSESSORE DEL BROCCO E PROGRESSO FABRATERNO

Hanno già aderito alla petizione PD, PSI, DEMOS, PROGRESSO FABRATERNO, CIVES, NUOVA VITA, DEMOCRATICI PER CECCANO ed EUROPA VERDE

Sarà possibile firmare la petizione sabato 9 marzo presso il piazzale della stazione dalle ore 9,30 alle 14,00.

I promotori: Consiglieri Comunali Piroli, De Santis, Querqui, Di Pofi, Partiti Politici e Movimenti del Centrosinistra ceccanese

Unisciti a noi sul nostro canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts