IN PRIMO PIANO POLITICA

CONSIGLIO REGIONALE: APPROVATA MOZIONE SU SALARIO MINIMO A 9 EURO L’ORA PER CONTRATTI DI APPALTO PUBBLICI

Approvata all’unanimità oggi in Consiglio Regionale la mozione sul salario minimo a 9 euro l’ora proposta da Alessio D’Amato, consigliere di Azione, per tutte le procedure di gara per l’affidamento di contratti pubblici e nelle concessioni.

Nella sessione odierna del Consiglio regionale del Lazio sono stati approvate quattro mozioni: esse coprono vari argomenti, come l’uguaglianza di genere, evidenziata in due delle proposte approvate riguardanti il bilancio di genere e il congedo di paternità; fino al salario minimo per chi lavora nei contratti pubblici e all’ambiente, soprattutto riguardo alla problematica delle discariche non autorizzate.

Relativamente alla mozione sul Salario Minimo, presentata dal consigliere di Azione Alessio D’Amato, il Consiglio regionale del Lazio impegna il Presidente della Regione e la Giunta a promuovere e attuare presso la Regione Lazio una serie di misure volte a garantire condizioni lavorative adeguate negli appalti pubblici e nelle concessioni.

Queste misure includono l’applicazione del contratto collettivo più pertinente all’attività svolta per il personale impiegato nei contratti pubblici e nelle concessioni. In particolare, si legge nel comunicato stampa del Consiglio regionale: “in tutte le procedure di gara per l’affidamento di contratti di appalti di lavori, servizi e forniture e nelle concessioni, sia indicato, in coerenza con quanto previsto nell’art. 11 del codice dei contratti pubblici, che al personale impiegato nei contratti di lavoro, servizi e forniture oggetto di appalti pubblici e nelle concessioni sia applicato il contratto collettivo maggiormente attinente all’attività svolta stipulato dalle organizzazioni datoriali e sindacali comparativamente più rappresentative, salvo restando i trattamenti di miglior favore”.

Leggi anche: EMENDAMENTO ‘PRO-VITA’ DI FDI. FORTI CRITICHE DALL’OPPOSIZIONE: “ENNESIMO ATTACCO AI DIRITTI DELLE DONNE”

È inoltre richiesto che i contratti pubblici prevedano un salario minimo inderogabile di 9 euro l’ora e che, nel caso in cui gli operatori economici propongano un contratto collettivo diverso, questo garantisca gli stessi diritti e tutele di quello indicato dalla stazione appaltante ai dipendenti. Il confronto di equivalenza sarà basato su 12 parametri stabiliti dall’Anac, con un margine massimo di scostamento di due parametri, sempre nel rispetto del salario minimo di 9 euro l’ora. Infine, si chiede di organizzare incontri con i sindacati per trovare modalità atte a garantire che tutti i contratti vigenti prevedano un salario minimo di 9 euro l’ora.

D’Amato: “risultato estremamente rilevante”

“Oggi il Consiglio regionale del Lazio ha approvato all’unanimità la mozione che ho presentato per il trattamento minimo inderogabile di nove euro l’ora nei contratti di appalto di lavori della Regione Lazio. Questo è un risultato estremamente rilevante, ringrazio tutte le forze politiche. Il riconoscimento di una retribuzione minima è un diritto fondamentale in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea ed è importante che anche la Regione Lazio faccia altrettanto“, così Alessio D’Amato, promotore della mozione e consigliere di Azione.

Con questa mozione la Regione come stazione appaltante richiede agli operatori economici che partecipano alle procedure di gara tutele rafforzate a favore dei lavoratori impegnati nello spirito della direttiva comunitaria UE 2022/2041 del 19 ottobre 2022. Tutele indispensabili a garantire i diritti e la dignità di tutti i lavoratori e lavoratrici. È evidente che senza una giusta retribuzione, il rischio che i ribassi influiscano sulla qualità del lavoro e sulla sicurezza è molto alto. Per Azione questa è da sempre una priorità, perché senza un salario minimo non si otterranno mai risultati importanti né sul fronte della sicurezza né sull’effettiva affermazione dell’art. 1 della Costituzione italiana”.

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts