IN PRIMO PIANO POLITICA

DECADE IL SINDACO DI VILLA SANTA LUCIA, ORAZIO CAPRARO. MA PUÒ ANCORA PRESENTARE RICORSO

A seguito della decisione della Camera di Consiglio del Tribunale di Cassino, presieduta dal dott. Massimo Pignata, si segna la fine del mandato del sindaco di Villa Santa Lucia Orazio Capraro, concedendo ragione all’ex sindaco Antonio Iannarelli e ad altri ricorrenti, tra cui spicca il nome di Maurizio Tivinio.

Secondo quanto riportato da La Provincia Frosinone, questi ultimi, agendo in giudizio, hanno richiesto la decadenza di Capraro ai sensi dell’art. 70 del d.lgs. n. 267/2020. La base di tale richiesta risiede nella presenza di un procedimento civile ancora in corso davanti al Tribunale di Cassino, rappresentante un contenzioso con l’Amministrazione Comunale.

La vicenda assume contorni particolarmente delicati, poiché il procedimento civile in questione ha avuto origine quando Orazio Capraro ricopriva la veste di tecnico all’interno dello stesso Comune. Oggi, da sindaco, si ritrova coinvolto in un contesto legale che mette a repentaglio la sua permanenza alla guida dell’amministrazione locale.

Il procedere degli eventi dipenderà ora dall’esito del possibile ricorso presentato da Orazio Capraro, che potrebbe ridefinire gli equilibri politici e istituzionali a Villa Santa Lucia. Resta da vedere come questa storia si svilupperà e quali saranno le conseguenze sull’amministrazione locale.

Leggi anche: ANCORA ATTESE PER LA RENO DE MEDICI DI VILLA SANTA LUCIA

Sui suoi social, il sindaco di Villa Santa Lucia scrive: “Il Tribunale di Cassino con sentenza comunicata in data odierna ha dichiarato la mia decadenza dalla carica di Sindaco del Comune di Villa Santa Lucia perché sono parte di una causa risarcitoria con il comune che l’allora sindaco Iannarelli intentò contro di me, ma che poi ha coinvolto pure lui oltre a un funzionario.

Rispetto ovviamente la decisione che tuttavia non condivido, perché – a mio avviso – erronea e contro la quale proporrò appello.

Vorrei rassicurare la cittadinanza che il sottoscritto e l’ amministrazione – democraticamente eletta dai cittadini – continuerà tranquillamente a operare, visto che, con l’ appello, sino alla decisione definitiva la esecutività della sentenza è sospesa.

Un’azione che non ferma la mia volontà di cambiamento e di rilancio del nostro paese. Sono stato scelto con un voto plebiscitario da voi cittadini e non da un tribunale. Con stima Orazio Capraro Sindaco”.

Related Posts