IN PRIMO PIANO

FROSINONE E CECCANO: DAL 2008 VIOLANO IL DIRITTO EUROPEO PER LA QUALITÀ DELL’ARIA

La Direzione Generale Ambiente, Conformità, Governance e Sostegno Agli Stati Membri, direttamente da Bruxelles, ha risposto al Dott. Marco Belli, presidente di Fare Verde Provincia di Frosinone con la nota Ref.Aes (2024)2808197 – 17/04/2024 condividendo le preoccupazioni e le osservazioni di Fare Verde Provincia di Frosinone scritte nelle denunce per l’inquinamento dell’aria da Pm10 nei Comuni di Ceccano e Frosinone.

“Come da Lei correttamente richiamato, il diritto dell’Unione europea, e in particolare la direttiva sulla qualità dell’aria ambiente, stabilisce valori limite per le concentrazioni di inquinanti, inclusi il Pm10, nell’aria. I comuni di Frosinone e Ceccano sono compresi  nella zona “IT 1217 (precedentemente IT 1212) – Valle del Sacco”. 

L’Italia è stata condannata per non aver rispettato il valore limite giornaliero e annuale fissato, per il Pm10 anche nella valle del Sacco, dalla direttiva della qualità dell’aria ambiente 2008/50/CE zona IT 1217. Come se non bastasse, il 30 marzo 2024, la Commissione Europea ha inviato una lettera di messa in mora all’Italia “ai sensi dell’art 260 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea (TFUE)”, contestando che l’Italia non ha dato esecuzione alla precedente sentenza della Corte nel 2020.

“La zona Valle del Sacco è oggetto di questa lettera” –  aggiunge Marco Belli: “di fatto e ora senza alcun dubbio anche i comuni di Frosinone e Ceccano ne sono interessati direttamente”.

La Direzione Ambiente della Commissione Europea continua con : “Ove l’Italia continui a non conformarsi alla sentenza, la Commissione valuterà se fare nuovamente ricorso alla Corte di Giustizia”.

Leggi anche: QUALITÀ DELL’ARIA A FROSINONE, SCATTA LA DENUNCIA ALLA COMMISSIONE EUROPEA

Fare Verde Provincia di Frosinone è stata aggiornata anche sulla seconda condanna per l’Italia del 2022 per non aver rispettato il valore limite annuale fissato per l’NO2 in diverse zone e dell’avvio di una nuova procedura di infrazione con la lettera di messa in mora per l’inadempimento degli obblighi incombenti per i superamenti dei valori limite annuali di PM2,5. Sono in valutazione le risposte inviate dalle autorità italiane.

Infine, la “Commissione si attende che le autorità italiane adottino tutte le misure necessarie per porre fine alle infrazioni accertate dalla Corte, nonché a quelle sollevate nella lettera di costituzione in mora già menzionata.”

A questo punto non vi è chi non veda che certe dichiarazioni rese sui giornali da un amministratore comunale interessato sono inappropriate e lontane anni luce dalla giusta interpretazione data da Fare Verde Provincia di Frosinone che più volte ha sottolineato le censure mosse dalla Corte e la mancata esecuzione da parte dei comuni di Ceccano e Frosinone della sentenza emessa dalla Corte nel 2020.

Leggi anche: INQUINAMENTO A CECCANO, PER DEL BROCCO I RISCALDAMENTI DOMESTICI SONO IL VERO PROBLEMA

Nel frattempo il Cielo ci aiuti e aiuti soprattutto le persone malate e le più fragili visto che dopo quattro anni  le Istituzioni Nazionali, Regionali e Comunali non sono riuscite ad adottare provvedimenti idonei per dare esecuzione della sentenza emessa nel 2020. Affermazioni di Fare Verde Provincia di Frosinone sostenute dai dati di certezza rilevati delle centraline Pm10 dell’ Arpa Lazio. 

Inquinamento dell’aria da Pm10 che si è protratto nel tempo con data certificata del 2008 (scritta nella sentenza della causa C-644/18 Commissione Europea/Repubblica Italiana) e pertanto Fare Verde Provincia di Frosinone vuole essere ancora una volta profetica: “Oltre al danno irreparabile e incalcolabile alla salute dei cittadini, arriverà anche la beffa perché la Commissione europea può proporre un altro ricorso alla Corte chiedendo sanzioni pecuniarie. Siccome la violazione del diritto dell’Unione è continuata nel tempo, anche dopo la sentenza, di certo non ci salveranno da una multa milionaria le chiacchiere in politichese astratto”.

Il presidente di Fare Verde Provincia di Frosinone: “Inizio a dubitare del “Dono di Cassandra” di Fare Verde Provincia di Frosinone! Ormai c’è il convincimento che ci sia tanta approssimazione e poco rispetto per la popolazione.  Alla salute e ad una buona qualità della vita dei cittadini vengono preferiti gli interessi economici di pochi”.

Fare Verde Provincia di Frosinone

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts