IN PRIMO PIANO POLITICA

IN ITALIA ECONOMIA DEL MARE VALE 178 MILIARDI. LAZIO TRA LE TOP 5 PER VALORE AGGIUNTO

L’economia del mare in Italia è in netta crescita, con un aumento significativo del valore aggiunto diretto e complessivo, e un incremento occupazionale del 6,6%. Nonostante la stabilità nel numero delle imprese, il settore marittimo italiano dimostra una forte capacità di generare valore e occupazione, particolarmente nel Mezzogiorno.

178,3 miliardi di euro, pari al 10,2% del PIL nazionale, con un incremento del valore aggiunto diretto del 15,1% rispetto all’anno precedente. Questo il valore dell’Economia del Mare in Italia secondo quanto emerso dal XII Rapporto Nazionale sull’Economia del Mare 2024  a cura dell’Osservatorio Nazionale sull’Economia del Mare Ossermare, Centro Studi Tagliacarne – Unioncamere, Informare, Camera di commercio Frosinone Latina e Blue Forum Italia Network, presentato questa mattina a Roma presso la Sala Longhi di Unioncamere alla presenza del Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso e del Ministro per la Protezione civile e le Politiche del mare Nello Musumeci.

L’evento è stato moderato dalla giornalista Nunzia De Girolamo e ha visto la partecipazione di vari esponenti del mondo politico e imprenditoriale, tra cui Giovanni Acampora, Presidente della Camera di Commercio di Frosinone e Latina, e Andrea Prete, Presidente di Unioncamere, il Direttore Generale del Centro Studi Tagliacarne Gaetano Fausto Esposito e il Coordinatore dell’Osservatorio Nazionale sull’Economia del Mare Ossermare Antonello Testa.

I dati

Con 227.975 imprese e 1.040.172 di occupati, l’Economia del mare in Italia è un settore in netta crescita in ogni suo aspetto. Cresce il valore aggiunto diretto con un +15,1%, pari a due volte la crescita media italiana si ferma al 6,9%. Cresce il valore aggiunto complessivo di quasi un punto percentuale rispetto a quanto rilevato dall’XI Rapporto del 2023. Cresce il moltiplicatore, pari quest’anno a 1,8, a fronte dell’1,7% della scorsa rilevazione. Ossia per ogni euro speso nei settori direttamente afferenti alla filiera mare se ne attivano altri 1,8 nel resto dell’economia. Crescono gli addetti, con un aumento occupazionale del 6,6%, pari a quasi quattro volte quello registrato nel Paese (1,7%). Rimane, invece, stabile il numero delle imprese.

Secondo il rapporto, le imprese giovanili in Italia costituiscono il 9,0% dell’economia blu. Non meno rilevante è il contributo delle imprese femminili, che rappresentano il 22,4% del totale. Le imprese straniere, invece, costituiscono il 7,4%. Tra le regioni italiane nella “top 5” per Valore Aggiunto troviamo la Liguria, che si distingue con un’incidenza del valore aggiunto dell’economia del mare pari all’11,9% sul totale dell’economia territoriale, seguita da Friuli-Venezia Giulia (7,2%), Sardegna (7,1%), Lazio (6,0%) e Sicilia (5,7%).

Leggi anche: FIUMICINO, PRESIDI SANITARI SULLE SPIAGGE ATTIVI DAL 5 LUGLIO

Ma il vero primato si registra al sud, con una produzione diretta di quasi 21 miliardi di euro, che rappresenta circa un terzo dell’intero “prodotto blu” nazionale. Un territorio che non solo eccelle nella produzione economica, ma anche nell’occupazione, concentrando oltre il 37% dei posti di lavoro nel settore marittimo. Le imprese nel Mezzogiorno superano le 111 mila unità, rappresentando oltre il 48% dell’intera base imprenditoriale blu del Paese. Questo dato sottolinea l’importanza del Sud come fulcro dell’economia marittima italiana.

Nonostante il primato in molti settori, il Sud Italia deve tuttavia affrontare la sfida di un moltiplicatore economico più basso rispetto ad altre aree del Paese. Con un moltiplicatore pari a 1,6, inferiore al 2 del Nord-Est, all’1,9 del Nord-Ovest e all’1,7 del Centro, il Sud deve trovare strategie per aumentare l’efficienza e l’impatto economico delle sue attività marittime.

I commenti

La blue economy si caratterizza come uno dei settori trainanti della nostra economia con una forte connotazione imprenditoriale. Ne è una dimostrazione l’incremento della base d’impresa che è aumentata nell’ultimo biennio dell’1,5% contro una contrazione di quasi due punti di quella complessiva, con una maggiore presenza di imprenditorialità giovanile e femminile”. Lo ha sottolineato Andrea Prete, appena riconfermato presidente di Unioncamere, che ha aggiunto “al contempo l’economia del mare rappresenta una delle filiere in cui più forte è la crescita dell’attenzione al digitale e al green. Ecco perché il sistema camerale, che già nel passato ha dato forte enfasi all’economia blu, dedicherà nei prossimi anni un crescente impegno alle imprese di questo settore attraverso policy mirate sempre più inserite nel quadro delle priorità europee”.

Il nostro Rapporto nazionale” – ha dichiarato Giovanni Acampora, Presidente Assonautica Italiana, Si.Camera e Camera di Commercio Frosinone Latina – “è diventato il documento di riferimento del sistema mare italiano, perché offre un’analisi puntuale del valore e del peso dell’Economia blu del nostro Paese, che mettiamo a disposizione di tutti: operatori del settore, Istituzioni, associazioni, imprese e dell’intero cluster del mare. Si tratta di un elemento imprescindibile per dare la giusta importanza alla Blue Economy italiana e affermare la sua leadership nel contesto euro-mediterraneo, in linea con il lavoro che stiamo portando avanti con il Piano del mare”.

“In un Paese che è al primo posto in Europa tra le grandi economie per rapporto coste/superficie, la blue economy si caratterizza per essere “controcorrente” non solo perché ottiene risultati in termini di sviluppo e di occupazione superiori rispetto a quelli dell’economia complessiva, ma anche perché la crescita del valore aggiunto e degli occupati nel Mezzogiorno è stata di oltre due punti superiore a quella media italiana, grazie in particolare alle ottime performances del turismo”. Lo ha detto Gaetano Fausto Esposito, direttore generale del Centro Studi Tagliacarne, secondo il quale “resta comunque da evidenziare che sia la produttività della filiera blu che la capacità di moltiplicare le risorse è inferiore nel Meridione, e che se entrambi i valori fossero allineati a quello dell’Italia settentrionale ci sarebbe un incremento di valore aggiunto locale di circa ulteriori 15 miliardi, pari a più di un quarto dell’attuale complessiva produzione blu al Sud”.

Secondo Antonello Testa, Coordinatore dell’Osservatorio Nazionale sull’Economia del Mare Ossermare: “L’Economia del mare italiana conferma il suo trend di crescita superando i 178 miliardi di euro di valore aggiunto. I dati confermano la leadership dell’Italia in Europa, a differenza di quanto registrato dal EU Blue Economy Report 2024 che ci colloca al 4° posto come valore aggiunto dopo Germania, Francia e Spagna, guardando a un perimetro diverso dal nostro. La sfida dell’Italia si vince solo avendo la piena conoscenza dello scenario marittimo in cui ci muoviamo e della sua evoluzione in modo rapido e puntuale ed è quello che noi istituzionalmente, insieme al Centro Studi delle Camere di commercio G. Tagliacarne – Unioncamere, facciamo da più di dieci anni”.

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts