IN PRIMO PIANO POLITICA

INQUINAMENTO, I SINDACI DI CIAMPINO E MARINO SCRIVONO AI MINISTERI DELL’AMBIENTE E DEI TRSPORTI

I sindaci dei comuni di Ciampino e Marino hanno scritto una lettera ai Ministeri dell’Ambiente e dei Trasporti per esprimere preoccupazione riguardo alla competenza dell’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) nella redazione e nell’approvazione del regolamento riguardante l’inquinamento acustico dell’aeroporto.

Invitare ENAC a bloccare la procedura di pubblicazione della bozza del ‘Regolamento recante disposizioni sul contenimento dell’inquinamento acustico nell’intorno aeroportuale’ e ad astenersi in futuro dal redigere circolari e/o regolamenti in materia di acustica aeroportuale.

Lo chiedono i Comuni di Ciampino e di Marino in una lettera che i Sindaci Emanuela Colella e Stefano Cecchi hanno inviato ai Ministeri dell’Ambiente e della Sicurezza energetica e delle Infrastrutture e dei Trasporti ritenendo “prioritario e urgente segnalare la forte perplessità sulla competenza di ENAC rispetto alla redazione e approvazione di questo Regolamento, prima ancora che dedicarci a contrastare le previsioni dello stesso, che sono, nella maggior parte dei punti, non condivisibili e fonte di forte preoccupazione per la futura gestione del rumore di origine aeroportuale”.

Leggi anche: AEROPORTO CIAMPINO, CAMBIA IL PIANO ANTI-RUMORE. LA LETTERA DEL CRIAAC AI SINDACI

La bozza di Regolamento “scavalca tutta la normativa nazionale vigente in campo ambientale sul rumore aeroportuale, compreso il Decreto Costa, in forza del quale, dopo una lunga battaglia fatta di ricorsi al TAR e al Consiglio di Stato da parte delle Compagnie Low Cost, le popolazioni che vivono nei dintorni dell’Aeroporto G.B. Pastine di Ciampino, hanno finalmente visto interventi concreti volti alla mitigazione dell’impatto acustico dell’aeroporto”.

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts