ATTUALITA' EVENTI

L’ITIS MAJORANA DI CASSINO SEMPRE PIÙ “PLACEMENT OFFICE”

Ottava edizione della Settimana della Tecnologia e della Ricerca Scientifica: crescono le adesioni di enti, istituzioni e partner: all’inaugurazione un parterre di autorevoli ospiti ha lanciato molti spunti di riflessione e di occasioni per il futuro.

Settimana della Tecnologia e della ricerca scientifica, l’ottava edizione che ha preso il via questa mattina all’Itis Majorana di Cassino è senza dubbio contrassegnata da un grande entusiasmo. Quello degli studenti, che si sentono coinvolti in un percorso didattico esclusivo, articolato, moderno. Quello dei docenti e della dirigenza scolastica, che vedono premiato il grande impegno durato mesi nel tessere relazioni con imprese, enti, istituzioni a livello nazionale. E quello degli stessi ospiti e partner: ognuno di loro ha avuto parole di elogio sincero per una organizzazione impeccabile e, soprattutto, per una realtà che mette in collegamento virtuoso giovani e mondo del lavoro.

Tantissimi i protagonisti che, nel corso della mattinata, hanno voluto lasciare una testimonianza diretta dopo aver ascoltato l’introduzione della prof.ssa Rita Matera, che ha sottolineato le caratteristiche vincenti di una manifestazione di didattica di “percorsi formativi innovativi, strumenti oggi indispensabili per favorire negli studenti lo sviluppo di una maggiore motivazione allo studio, della promozione di una cultura di impresa, di sviluppo di capacità di collaborazione e interazione tra pari nonché di consapevolezza delle proprie abilità e capacità progettuali”.

Al dirigente scolastico, il prof. Pasquale Merino l’onore di aprire e chiudere la cerimonia di inaugurazione, con la possibilità di ringraziare in prima persona tutti coloro, tra le istituzioni e le realtà imprenditoriali, che sostengono la Settimana della Tecnologia e favoriscono la crescita dei ragazzi. Rimarcando, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che gli istituti tecnici sono una grande risorsa. E vanno scelti perché offrono preziose occasioni di crescita e formazione.

Azzurra Mottolese, intervenuta per la prima volta alla ‘Settimana della Tecnologia, come I Dirigente USP Frosinone si è detta fautrice degli istituti tecnici “perché formano i professionisti del domani. Troverete uno sbocco lavorativo soprattutto se continuerete a formarvi e ad aggiornarvi, proprio come fa il vostro dirigente scolastico nell’organizzare questo tipo di eventi”, ha detto agli studenti presenti in platea. Questo istituto può essere considerato un ‘Placement Office’ nel momento in cui va ad intercettare quei percorsi professionali che stanno scomparendo.

Non sono mancati interessanti spunti di riflessione da parte di tutti gli intervenuti, a partire dall’assessore regionale Pasquale Ciacciarelli, per proseguire con il sindaco Enzo Salera che vede un territorio in continua evoluzione soprattutto per la necessità di diversificare la realtà industriale finora concentrata sull’automotive e con il prorettore Unicas Francesco Iacoviello.

Leggi anche: DISSERVIZI LINEA ROMA-CASSINO. IL M5S CHIEDE L’INTERVENTO DELLA REGIONE

L’ateneo trova da anni nel Majorana “un bacino di utenza di elezione per i corsi di laurea in Ingegneria”.

Per l’ente provincia di Frosinone sono intervenuti Gianluca Quadrini, già docente Itis, che ha sottolineato come “i ragazzi che vengono diplomati qui trovano lavoro e c’è la speranza e l’impegno affinché restino sul territorio e non siano costretti ad andare fuori” e il direttore generale Alfio Montanaro, che conosce benissimo la realtà del Majorana e ha spesso occasioni di confronto con il DS Merino.

Giovanni De Vacchi di Unindustria Cassino ha fatto riferimento al tema delle “nuove competenze che rendono necessario un contatto diretto come questo con gli istituti scolastici e gli studenti. Per allineare virtuosamente domanda e offerta di lavoro.

Un tema caro anche al presidente della Banca Popolare del Cassinate e docente Unicas, il prof. Vincenzo Formisano, che ritiene il Majorana un “istituto tecnico professionalizzante fiore all’occhiello del nostro territorio. Come BPC continueremo a sostenerlo”.

Hanno portato un importante contributo anche i partner, sia i veterani che i nuovi arrivati: Patricia Fusciardi e Pasquale Saetta di CMA Hydro¸ azienda del territorio che sostiene con convinzione questa iniziativa e la considera una collaborazione proficua anche per il futuro.

Negli ultimi due interventi, quello di AGIERRE, presente con Vincenzo Ruggiero junior, una vision internazionale con alcuni consigli utili per i più giovani: a proseguire gli studi universitari e a perfezionare la conoscenza delle lingue straniere. Infine, la testimonianza di un ex studente Itis tornato orgogliosamente nella sua scuola da imprenditore di successo nel settore informatico, quello della KO2 di Claudio Grillo. Ed è questa forse l’essenza di tutto: un percorso nel futuro ed un ritorno al passato, ma con nuovi strumenti professionali già acquisiti. L’Itis Majorana è un crocevia di esperienze, un confronto continuo.

La Settimana della Tecnologia è appena iniziata, fino a venerdì saranno numerose le novità da mettere ‘in vetrina’. Ricordiamo, infine, che venerdì 19 ci sarà la premiazione delle migliori idee progettuali realizzate dai giovani studenti che hanno aderito al contest indetto dalla PMG Italia e il Career day che si terrà il giovedì pomeriggio al quale parteciperanno circa 30 aziende.

Related Posts