EVENTI

MONTEROTONDO, IL CORSO DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI IN ETA’ PEDIATRICA FA IL PIENO DI ADESIONI

Sono bastate circa 24 ore per far registrare il “tutto esaurito” al corso di “Manovre di disostruzione e prevenzione degli incidenti in età pediatrica”. Successo per l’iniziativa proposta dalla Protezione Civile di Monterotondo.

Il corso è previsto per il prossimo sabato 13 gennaio ed avrà luogo presso il Centro Anziani Parco Arcobaleno (ex Parco O.N.M.I) a partire dalle ore 10.

La sessione formativa, quantomai importante e fondamentale per la gestione tempestiva ed efficace degli incidenti in età pediatrica, è erogato gratuitamente ed è rivolto a tutti i genitori, i nonni, i babysitter, gli insegnanti e chiunque voglia imparare le tecniche di primo soccorso per intervenire in caso di soffocamento.

Si tratta di una data inserita in più ampio calendario di appuntamenti di formazione e di informazione dedicati alla cittadinanza e organizzati dalla sempre attiva Protezione Civile locale nell’ambito del progetto “Due mani sul cuore”.

Leggi anche: MONTEROTONDO, A GONFIE VELE I LAVORI ALLA SCUOLA ESPAZIA

Soddisfatta la Protezione Civile di Monterotondo per il successo riscontrato nella fase di apertura delle iscrizioni. <<Come ogni volta il vostro interesse e la vostra partecipazione ci lascia piacevolmente sorpresi e questa volta vi siete superati. – fanno sapere in una nota – Ci sono arrivate più di cento iscrizioni ed essenziali per far si che ognuno di noi sappia cosa fare in caso di ostruzione delle vie aeree e per ridurre gli incidenti in età pediatrica.

<<Non temete! – continuano – Ci stiamo già organizzando per fissare la nuova data, per il prossimo corso, ma in attesa potete dimostrarci il vostro interesse a partecipare ai nostri corsi (P/BLS-D oppure Manovre di disostruzione e prevenzione incidenti in età pediatrica) inviando una mail a: formazione@protezionecivilemonterotondo.it

<<Grazie a tutti voi per la fiducia che costantemente ci dimostrate e ricordate sempre che chi non si forma, si ferma>> conclude la nota.

Related Posts