IN PRIMO PIANO POLITICA

PROVINCIA DI FROSINONE: CUP NEL CAOS. BATTISTI PRESENTA INTERROGAZIONE IN REGIONE

La situazione caotica dei centri unici di prenotazione (CUP) nella provincia di Frosinone a causa della drastica riduzione del personale agli sportelli sta causando enormi disagi ai cittadini, costretti ad affrontare lunghe file senza riuscire spesso a prenotare i servizi sanitari di cui hanno bisogno. La consigliera regionale Sara Battisti del Partito Democratico ha presentato un’interrogazione in consiglio regionale in merito alla questione

“La drastica riduzione del personale agli sportelli dei centri unici di prenotazione della provincia di Frosinone sta provocando disagi enormi alla cittadinanza, spesso costretta a lunghe file senza peraltro riuscire dell’impresa, perché di impresa si tratta, di prenotare servizi necessari per le cure. Una situazione paradossale, perché proprio mentre in vista del voto europeo arrivano dalla Regione Lazio annunci mirabolanti su nuove assunzioni di personale medico e infermieristico, i servizi continuano incredibilmente a peggiorare arrecando danni sempre maggiori alle nostre comunità. Sul servizio Cup, e per ottenere risposte per i cittadini, ho depositato una interrogazione in consiglio regionale chiedendo spiegazioni al Presidente Rocca e all’intera giunta su come intendano rideterminare l’assetto organizzativo del servizio sia nell’interesse degli utenti che dei lavoratori”. 

Così in una nota Sara Battisti, consigliera regionale Pd del Lazio. 

Leggi anche: CUP DI ALATRI: PERSONALE DIMEZZATO E FILE INUTILI. IL SOPRALLUOGO DEL COMITATO SAN BENEDETTO E DEL SINDACO CAMPOLI

“È necessario – prosegue – garantire un servizio efficiente e completamente rispondente alle esigenze degli utenti nonché tutelare i posti di lavoro delle operatrici e degli operatori impiegati nelle attività erogate. I disagi di questi ultimi tempi sono frutto di tagli e di una mancata riorganizzazione del servizio. La Asl di Frosinone ha deciso, infatti, di ridurre il monte ore del personale, terminata l’emergenza Covid, tenendo però attivi tutti i servizi che avevano richiesto un’integrazione di ore. Una riduzione che rende l’offerta completamente inadeguata e che mette a rischio il posto di lavoro di numerosi operatori che in questi anni hanno svolto un servizio professionale e di elevata importanza. Auspico un immediato intervento – conclude – a tutela dei lavoratori ed a garanzia dei servizi per i cittadini”.

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts