EVENTI

SAN CESAREO, GIORNATA DELLA MEMORIA CON SERVIZIO CIVILE E SCUOLA

Si è svolta ieri, venerdì 26 gennaio, la prima delle tre giornate dedicate al Giorno della Memoria, per non dimenticare gli orrori dell’Olocausto.

Presso l’Aula consiliare del Comune di San Cesareo, infatti, i ragazzi volontari del Servizio Civile Universale di San Cesareo con gli studenti dell’Istituto Comprensivo San Cesareo si sono incontrati per discutere sul tema centrale della discriminazione in tutte le sue declinazioni, partendo dalla persecuzione degli ebrei ma anche degli omosessuali, dei rom, degli apolidi, e altre minoranze, per arrivare alle discriminazioni perpetrate ancora oggi sulla base di diversità etniche, culturali, di genere e di orientamento sessuale.

Leggi anche: L’OSPEDALE DI TIVOLI POTREBBE RIAPRIRE ENTRO FINE GENNAIO

Ha espresso parole di elogio per l’iniziativa la sindaca Alessandra Sabelli: <<Abbiamo tutti il dovere di ricordare e continuare a riflettere sui temi del razzismo e delle discriminazioni perché riguardano, ancora oggi nel 2024, tutti noi.

<<L’invito che vi faccio ragazzi, è di affrontare la vita con spirito di apertura alle diversità, siano esse etniche, culturali, di genere. – ha aggiunto Alessandra Sabelli – che ha salutato i ragazzi. Abbracciate la diversità in quanto punto di forza e di ricchezza, e non come una minaccia. Un ringraziamento a tutti, alle docenti per aver accolto la proposta progettuale ed ai ragazzi del Servizio civile. Buon lavoro a tutti!”.

<<Un lavoro egregio quello fatto dai nostri ragazzi e ragazze del Servizio civile che partendo dai cenni storici sulla seconda Guerra mondiale, hanno stimolato gli studenti a riflettere sul tema dell’antisemitismo e sull’attuale significato e percezione del concetto di discriminazione – ha dichiarato l’Assessora alla Pubblica Istruzione e Politiche Giovanili Emanuela Ricchezza. – I diretti testimoni dell’orrore dell’Olocausto purtroppo sono ormai pochissimi e se la memoria non viene rinnovata costantemente tra le nuove generazioni, rischiamo che la storia più buia del Novecento possa ripetersi. E’ stato molto emozionante vedere gli studenti molto propositivi, sensibili e coinvolti, attraverso la partecipazione mostrata durante il dibattito>>.

La lodevole iniziativa proseguirà anche nelle giornate di lunedì 29 gennaio e martedì 30 gennaio prossime.

Related Posts