POLITICA

TEATRO ROMA, BATTISTI: DA DESTRA PREPOTENZA ISTITUZIONALE, CULTURA È LIBERTÀ 

Escludere il Comune di Roma, istituzione proprietaria dei teatri e finanziatrice del Teatro di Roma con 6,5 milioni l’anno, dalla scelta del nuovo direttore generale è di per sé una decisione folle e rappresenta un atto di prepotenza istituzionale da parte delle destre, sempre più impegnate ad occupare posizioni con metodi opinabili.

Questo è l’ultimo di una lunga serie di assalti alle istituzioni culturali del Paese che non possiamo accettare. All’assessora della Regione Lazio Baldassarre che ha parlato di protervia delle opposizioni, rispondo che arrogante è il comportamento di chi, infischiandosene del concetto di libertà propria delle prestigiose istituzioni culturali, gioca ad occupare posizioni senza alcun rispetto”. 
 
Così in una nota Sara Battisti (Pd) componente della commissione cultura in consiglio regionale del Lazio. 

Leggi anche: 80° ANNIVERSARIO SBARCO ANZIO-NETTUNO: ALLA COMMEMORAZIONE PRESENTE ANCHE IL MINISTRO SANGIULIANO

“Bene ha fatto il sindaco di Roma Gualtieri – prosegue – a dire che farà il possibile per porre fine ad una vicenda grottesca così come bene ha fatto il PD in Campidoglio ad annunciare la presentazione di una mozione in aula Giulio Cesare. Peraltro, gli stessi rappresentanti del mondo teatrale e della cultura di Roma sono già in agitazione. Tutti segnali che non possono restare inascoltati. Meloni e Rocca – conclude – rivedano questa scelta: la cultura è libertà”.

Related Posts