ATTUALITA' IN PRIMO PIANO

TERMOVALORIZZATORE ROMA, INDAGINI DELLA PROCURA SUL TERRENO DI AMA. I COMITATI CHIEDONO SOSPENSIONE DELLA GARA

“Con le indagini avviate dalla Procura di Roma sulla compravendita del terreno di Ama destinato alla realizzazione del cosiddetto termovalorizzatore la gara per la sua realizzazione in scadenza il 16 maggio p.v. va subito sospesa”. È quanto dichiara in una nota Il Comitato No inceneritore a Santa Palomba.

“Da oltre un anno e mezzo facciamo denuncia pubblica e controinformazione davanti alla narrazione salvifica raccontata ai Romani da Gualtieri fondata su una serie di menzogne. Le indagini della Guardia di Finanza presso Ama arrivano a squarciare il muro di gomma che fino ad oggi ha caratterizzato “l’affaire inceneritore di Roma”.

Leggi anche: TERMOVALORIZZATORE, LA REPLICA DEI SINDACI: ‘INCONTRO CON GUALTIERI AVVENUTO FUORI TEMPO MASSIMO’

Oggi però il Governo Meloni, di cui Gualtieri è commissario straordinario, non può più voltarsi dall’altra parte ma deve intervenire richiedendo la sospensione della gara fino a completamento delle indagini perché se un’ipoteca ultratrentennale su un’area straordinariamente ricca di storia e natura abitata da centinaia di migliaia di persone e che si estende dai Castelli romani fino al mare non è mai ammissibile, a maggior ragione non può esserlo oggi,  con le indagini in corso che riguardano il terreno destinato a ospitare il mega impianto di incenerimento dei rifiuti della Capitale.

Per tutte le altre forze politiche, partito democratico compreso, – concludono dal Comitato – l’occasione di dimostrare da quale parte stanno, a favore o contro l’incenerimento dei rifiuti, per la tutela di territori e abitanti o indifferenti alla loro salvaguardia”.

Unisciti a Oggi Lazio sul canale WhatsApp e su Facebook per ricevere costanti aggiornamenti sulle ultime notizie

Related Posts